Connect with us

Digita cosa vuoi trovare

Attualità

Confindustria: la produzione nel terzo trimestre 2021 torna a salire

L’industria italiana registra numeri positivi: nel 3° trimestre dell’anno, la produzione è cresciuta dell’1,0% rispetto al 2° trimestre del 2021.

I dati arrivano dal report di Confindustria che segnala un aumento con “un ritmo più contenuto di quanto osservato nei primi due (rispettivamente +1,5% e +1,2% trimestrale) e il 4° si sarebbe aperto in crescita (+0,2% in ottobre)”.

Al contrario, nel mese di settembre, si era rilevata una riduzione dell’attività dello 0,1%, dopo quella registrata ad agosto dall’Istat dello 0,2%.

Come mai la crescita del settore è così “timida”? Come riporta Confindustria “Le ragioni del rallentamento tra luglio e settembre sono riconducibili a fattori limitativi della produzione, quali la scarsità di alcune componenti e materie prime, al maggior ricorso alle scorte di magazzino, al rallentamento produttivo dei principali partner commerciali e al maggior grado di incertezza”.

Le imprese intervistate dal CSC hanno rilevato un calo della produzione dello 0,1% a settembre, con una leggera ripresa dello 0,2% in ottobre. ” I livelli di attività in entrambi i mesi si sono comunque mantenuti superiori di oltre l’1%  rispetto alla media dei primi otto mesi dell’anno. La variazione nel 3° trimestre  sarebbe stata di +1,0%, dopo +1,2% nel 2° e +1,5% nel 1°”.

Nel report Confindustria emerge che la fiducia delle imprese della manifattura e dei servizi è andata peggiorando a settembre.

La motivazione è legata al rallentamento dei giudizi e delle attese sui livelli di produzione e sugli ordini.

--

L’indice delle PMI nel campo manifatturiero ha mantenuto un profilo espansivo a ottobre. Sulla decrescita registrata ad agosto hanno pesato le interruzioni sulla supply chain che hanno indotto un ulteriore allungamento dei tempi medi di consegna.

Come sottolinea Confindustria: “Nonostante il grado di utilizzo degli impianti da parte delle imprese manifatturiere nel 3° trimestre abbia raggiunto il valore più alto dal dicembre 2018 (78,1%), la scarsità di manodopera, l’insufficienza di materiali, l’aumento dei costi di esportazione e l’allungamento dei tempi di consegna sono stati percepiti come elementi di crescente ostacolo alla produzione. Il recente calo dei prezzi di alcuni fattori produttivi, come il gas e i noli marittimi, potrebbe anticipare un prossimo allentamento delle tensioni dal lato dell’offerta”.

 

--
--

Potrebbero interessarti

Fiere nel mondo

MECSPE è uno degli appuntamenti più importanti per l’industria manifatturiera. L’evento torna dal 9 all’11 giugno 2022 a Bologna. Tra gli argomenti di punta...

Industria

Le aziende manifatturiere puntano sull’AI per crescere: lo dimostra l’esperienza di Lopigom, azienda bergamasca punto di riferimento nel settore gomma e plastica.

Comunicati stampa

Osservatorio AutoScout24 auto usate 2021 e previsioni 2022: 2021 chiude positivo.

Attualità

È un rapporto ormai consolidato, quello tra CWS e Liferay. Le due aziende, con una partnership pluriennale alle spalle, lanciano un nuovo progetto comune...

--