Quantcast
Avrage B2B Publishing

Digita cosa vuoi trovare

Energia

Chevron abbandona il Mare del Nord

chevron

La società petrolifera americana Chevron venderà i suoi asset nel Mare del Nord

Dopo un periodo durato 55 anni, Chevron, una delle più importanti aziende petrolifere private al mondo, abbandonerà i propri asset nel Mare del Nord. La vendita riguarderà il 19,4% delle azioni del pozzo di petrolio Clair, da 120mila barili al giorno, gestito da Bp, quote minori nel terminal Sullom Voe, e altre partecipazioni in due oleodotti, Ninian e Sirge.

L’operazione dovrebbe generare, secondo le previsioni dell’azienda, almeno 1 miliardo di dollari, cifra calcolata escludendo i benefici fiscali derivanti dall’operazione. Si tratta del completamento di un percorso di disinvestimento cominciato nel 2018 con la vendita delle quote di Equinor.

Le ragioni di questa scelta sono principalmente legate al calo della produttività dei pozzi del Mare del Nord. Dal picco dei primi anni 2000, questa regione non è più riuscita a produrre la stessa quantità di petrolio. Nonostante questo, il Brent, il petrolio estratto in queste zone, rimane il riferimento per il prezzo dei barili a livello mondiale.

Chevron ha comunque deciso di concentrarsi maggiormente sui propri asset più produttivi. L’azienda sta vivendo un momento delicato. Da una parte la produzione record dello scorso anno ha rilanciato le sue prospettive. Gli investimenti in Guyana, dove è stato scoperto il giacimento più grande del mondo, fanno prevedere un prossimo futuro roseo seppur molto competitivo, con Exxon sempre più agguerrita nella regione.

D’altra perte però, l’azienda si interroga sul futuro a lungo termine. La svolta Green promessa da molti governi ne minaccia il core business, mentre gli investitori attivisti tentano costantemente di influenzare le scelte del consiglio di amministrazione. Una transizione energetica rimante molto complessa senza un ridimensionamento radicale. Un futuro senza combustibili fossili metterebbe in discussione l’esistenza stessa delle grandi aziende petrolifere. Per il momento però, Chevron continua a crescere a ritmi record e punta a nuovi obiettivi lontano dall’Europa.

--
--

Whitepaper | Manifattura 5.0

--

Potrebbero interessarti

Logistica e Trasporti

Molti grandi porti, tra cui quello di Livorno, si sono riempiti di auto elettriche

Industria

La crisi immobiliare cinese e la mancanza di sussidi sta spingendo in basso il prezzo dell’acciaio

Tecnologia

I vincitori del premio assegnato alla Embedded World di Norimberga saranno rivelati il 9 aprile

Industria

Il Ceo di Boeing Dave Calhoun si dimetterà nel 2024 e il suo successore troverà una situazione complessa

--
Advertisement