Avrage B2B Publishing

Digita cosa vuoi trovare

Energia

Il prezzo del gas in Europa è ancora a rischio volatilità

gas

I prodotti finanziari sul mercato del gas in Europa rivelano che la volatilità potrebbe non essere alle spalle

Il prezzo del gas in Europa è sceso ai minimi dal 2022. Oggi si aggira attorno ai 25 euro al megawattora e difficilmente supera i 35. Un risultato reso possibile da diversi fattori. Da una parte l’impegno dei Paesi europei a trovare fonti alternative ai gasdotti russi, dopo la quasi totale interruzione delle importazioni da Mosca a seguito della guerra in Ucraina. Dall’altra due inverni relativamente miti e il calo della domanda industriale hanno spinto in basso i consumi, creando meno domanda e rendendo il prezzo più basso.

Questo non significa però che la volatilità sia una realtà del passato. Molti analisti sottolineano che le nuove fonti di gas e l’entità delle riserve europee sono ancora suscettibili specialmente all’instabilità internazionale. Il prezzo del gas insomma potrebbe ancora salire all’improvviso e le forniture europee non sono stabili come potrebbero sembrare guardando soltanto i prezzi.

Uno dei modi per visualizzare questa incertezza è la cosiddetta implied volatility. Si tratta di una misurazione che tiene conto di quanto costino i prodotti derivati riguardo a una specifica materia prima. In questo modo si può capire quanto i mercati valutano variabile il prezzo futuro di quella stessa materia prima, ottenendo una stima a tempo più lungo di quale possa essere la variazione del prezzo.

Diversi fondi di investimento hanno iniziato a investire nel gas europeo dopo la crisi energetica. Ora, per ottenere profitti dalle loro posizioni o semplicemente per proteggerle, stanno utilizzando prodotti derivati come le opzioni. Questo sottolinea come questi investitori siano ancora preoccupati che il gas possa avere grandi variazioni di prezzo, verso l’alto o verso il basso. La data in cui questa situazione dovrebbe finalmente calmarsi è il 2026, anno in cui i nuovi contratti di fornitura sostituiranno completamente la Russia nel ruolo di principale fonte di gas per l’Europa.

--

Whitepaper | Manifattura 5.0

--

Potrebbero interessarti

Industria

Liberty ha uno stabilimento anche a Piombino, ma è in crisi da anni

Logistica e Trasporti

Molti grandi porti, tra cui quello di Livorno, si sono riempiti di auto elettriche

Attualità

Le navi commerciali non sono al sicuro nemmeno sulla rotta di Capo di Buona Speranza

Attualità

Un equilibrio tra caldo e freddo, riscaldamento e raffrescamento, all’insegna del comfort in tutti gli ambienti.

--