Avrage B2B Publishing

Digita cosa vuoi trovare

Attualità

I buoni welfare nell’industria: obbligo o opportunità?

buoni welfare metalmeccanici

Il welfare aziendale è sempre più importante all’interno delle realtà industriali e delle imprese manifatturiere.
Del resto, è significativo il fatto che proprio il Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro del settore Metalmeccanico sia stato il primo CCNL nazionale a introdurre, nel 2016, un intervento in ambito welfare.
Con il rinnovo del contratto per il triennio 2021-2024 il welfare per i metalmeccanici è diventato strutturale. E riguarda quindi migliaia di contratti di lavoro: coloro che hanno un contratto a tempo indeterminato, incluso l’apprendistato. E anche chi ha un contratto a tempo determinato, purché abbia maturato almeno 3 mesi, anche non consecutivi, di anzianità di servizio nel corso di ciascun anno (1° gennaio-31 dicembre).

Welfare e flexible benefit

Il contratto metalmeccanici industria 2021 – valido fino al 2024 – prevede Flexible Benefit per 200 euro annui. Si tratta di un valore (non erogabile in denaro) destinato per beni e servizi finalizzati a migliorare la vita personale e familiare dei dipendenti. Rientrano tra i flexible benefit i buoni welfare come quelli per l’acquisto per spesa, shopping e carburante (fringe benefit) fino al rimborso per le spese di istruzione, assistenza familiari o trasporto pubblico e ai voucher per i servizi come formazione, tempo libero e salute. Questa cifra può anche essere destinata, a discrezione del lavoratore, ai fondi integrativi (previdenza e sanità) di settore.

I vantaggi

Sia i lavoratori sia le imprese traggono vantaggio dei buoni welfare. I dipendenti, da un lato, hanno la flessibilità di utilizzi in molti modi, a seconda delle esigenze famigliari, spendendoli per ciò che più desiderano. Inoltre, l’importo per il lavoratore è esentasse e non concorre alla formazione del reddito.
Anche dal punto di vista aziendale i buoni welfare offrono importanti vantaggi fiscali. Sono deducibili come costo sostenuto per l’attività d’impresa al 100% fino a € 258,23 all’anno per persona.
Infine, nel contesto delle iniziative di welfare aziendale, consentono di adempiere agli obblighi previsti dalla contrattazione collettiva di categoria.

--
--

Potrebbero interessarti

Industria

Ford presenta, in un mercato dei veicoli commerciali in crescita, il nuovo Transit Courier

Attualità

L’UE promuove Industry 5.0, un nuovo modo di fare impresa

Industria

Un nuovo pacchetto di sanzioni riguarderà l’alluminio

Prodotti

Finestre e porte scorrevoli pronte a dichiarare e dimostrare bellezza, qualità e ultra-performance: sono quelle della nuova linea Arrogance presentata da QFORT.

--