Avrage B2B Publishing

Digita cosa vuoi trovare

Industria

Ecco le abitudini di spesa delle PMI europee

europa-pmi-report-spese-qonto

PMI europee, la spesa secondo Qonto.

I pagamenti online hanno mostrato per la spesa delle PMI in Europa una crescita su base annua del 40% nel primo trimestre del 2023, rispetto al +5% dei pagamenti offline.

Il report

Qonto, la soluzione di business finance management leader in Europa, pubblica oggi un report sulle abitudini di spesa di 350.000 PMI e liberi professionisti in Germania, Spagna, Francia e Italia. Il rapporto rivela in cosa spendono di più le PMI europee, che si tratti di stipendi, servizi online o beni primari. I dati mostrano un aumento dell’utilizzo delle carte e una crescente adozione di pagamenti online e virtuali da parte delle PMI europee.

Le PMI europee pagano sempre di più online

Dal 2022, il numero medio di pagamenti per azienda è notevolmente aumentato sia per gli acquisti offline, sia online. Tuttavia, i pagamenti online (quindi elaborati tramite un sito web di un commerciante) hanno mostrato una crescita su base annua del 40% nel primo trimestre del 2023, rispetto al +5% dei pagamenti offline (ovvero transazioni elaborate direttamente in negozio tramite un terminale di pagamento).

Con il 41% della crescita su base annua dei pagamenti online, le PMI francesi mostrano il più forte aumento nell’adozione dei pagamenti online in Europa. Le PMI italiane e tedesche seguono a breve distanza con una crescita del 34%. In Francia i volumi dei pagamenti online stanno crescendo 8 volte più velocemente rispetto a quelli offline, anche se quest’ultima rimane per ora la forma di pagamento prevalente. In Spagna, i pagamenti online rimangono stabili su base annua, ma le PMI e i liberi professionisti sono quelli con il più alto livello di transazioni online nell’UE.

Carte virtuali in aumento in tutta Europa dal 2022

Le imprese europee mostrano una maggiore adozione dei pagamenti con carta virtuale: nel primo trimestre del 2023, il numero medio di utilizzo di carte virtuali per azienda è cresciuto tre volte più velocemente su base annua rispetto alle carte fisiche. A questo si somma un aumento del 50% nel corso del 2022.

Le carte fisiche rimangono l’opzione di pagamento preferita per le PMI europee e i liberi professionisti con il 60% di utilizzo, tranne in Spagna, dove il numero medio di transazioni con carta virtuale a volte è più del doppio rispetto alle carte fisiche. Le PMI e i liberi professionisti francesi continuano a fare più acquisti con le carte di pagamento fisiche, anche se l’utilizzo delle carte virtuali è aumentato del 54% su base annua nel primo trimestre del 2023, contro il 5% per quelle fisiche. Nella Germania amante del contante, le PMI e i liberi professionisti hanno preferito la carta fisica a quella virtuale per effettuare acquisti. Le carte fisiche rappresentano infatti il 70% di tutte le transazioni con carta. In Italia, le carte virtuali hanno superato quelle fisiche dall’estate del 2022 e hanno rappresentato oltre il 60% di tutte le transazioni con carta nel quarto trimestre del 2022 e nel primo trimestre del 2023.

PMI e liberi professionisti europei spendono in beni primari e servizi online

In tutti i mercati di Qonto, la maggior parte della spesa aziendale viene destinata a beni e bisogni primari come cibo, carburante e costi di trasporto. Insieme, queste voci di spesa hanno rappresentato il 35% di tutte le transazioni effettuate dalle aziende durante il primo trimestre del 2023. Tuttavia, tra il 2022 e il 2023, si è registrato un aumento del 18% su base annua del numero medio di transazioni effettuate per i servizi online (ad esempio abbonamenti online, soluzioni cloud, strumenti per la gestione delle password online, software di editing, piattaforme pubblicitarie online, come Adobe, Amazon Web Service o annunci Facebook).

--

L’aumento più elevato delle transazioni per servizi online è stato registrato dalle PMI e dai liberi professionisti italiani, con un aumento del 22% su base annua nel primo trimestre 2023. Complessivamente, i beni primari e i servizi online costituiscono il 44% dei pagamenti realizzati in Italia. In Francia, beni primari e servizi online rappresentano il 45% di tutte le transazioni dove le spese in servizi digitali sono cresciute del 17% su base annua nel primo trimestre del 2023. In Germania, la metà del numero di transazioni effettuate da PMI e liberi professionisti tedeschi riguarda l’acquisto di cibo, carburante, trasporti e servizi online. Si registra una crescente adozione di questi ultimi con un aumento del 14% su base annua nel primo trimestre del 2023 rispetto a una variazione piuttosto stabile della spesa per i beni primari. I beni primari e i servizi online rappresentano il 40% di tutte le transazioni di PMI e liberi professionisti spagnoli. Il numero medio di transazioni per i servizi online è leggermente aumentato in Spagna, con una crescita dell’8% su base annua nel primo trimestre del 2023.

Le PMI europee preferiscono viaggiare in treno

Quando si tratta di viaggi d’affari, le PMI europee viaggiano il treno. Questa tendenza è diventata ancora più evidente dall’inizio del 2023. In tutti i mercati, le prenotazioni di treni superano leggermente quelle di aerei con il 60% in Francia, Germania, Spagna e il 55% in Italia. La maggiore crescita del numero di prenotazioni di treni è stata realizzata dall’Italia, con una variazione dell’11% su base annua nel primo trimestre del 2023.

Effetti dell’inflazione alimentare in tutta Europa

In un contesto di alta inflazione, cibo e generi alimentari hanno subito diverse variazioni nel 2022 e hanno continuato ad aumentare durante il primo trimestre del 2023, portando a una rapida evoluzione degli importi spesi in generi alimentari da parte di PMI e liberi professionisti con un notevole aumento mese su mese della spesa dedicata al cibo registrata nel dicembre 2022.

L’Italia ha registrato il più alto aumento su base mensile dell’importo medio speso per il cibo nel dicembre 2022 (+32,5%), seguito direttamente da un analogo calo nel gennaio 2023. Gli importi medi spesi dalle PMI e dai liberi professionisti italiani sembrano ora essersi stabilizzati rispetto all’inizio dell’anno. In Germania e Spagna, gli importi medi spesi per il cibo hanno registrato un analogo aumento a dicembre 2022 (+27,5%), per poi diminuire nuovamente a gennaio 2023 e mostrare per ora segnali di stabilizzazione. L’inflazione alimentare era apparentemente inferiore ma visibile in Francia, poiché gli importi medi spesi delle PMI e dei liberi professionisti francesi sono stati influenzati in misura minore (+15% su base mensile a dicembre 2022) rispetto agli altri paesi. La spesa delle imprese francesi si è ormai stabilizzata dall’inizio del 2023.

Un segnale incoraggiante: la stabilizzazione del prezzo del carburante

Nel 2022 sono aumentati soprattutto gli importi medi spesi dalle imprese europee per il gas. Tuttavia, il 2023 sta mostrando incoraggianti segnali di stabilizzazione, con lievi cali osservati in tutti e quattro i mercati tra gennaio e marzo.

Nonostante un piccolo aumento del 7% rispetto al 2022, gli importi medi spesi per il gas sono rimasti piuttosto stabili su base annua nel primo trimestre in Germania e in Italia e non sono cambiati molto dalla fine del 2022. Francia e Spagna hanno mostrato una crescita a 2 cifre (+12%) degli importi medi spesi per il gas da PMI e liberi professionisti nel corso del 2022, che si sono stabilizzati dall’inizio del 2023.

Aumentano le transazioni sugli affitti

Negli ultimi anni, la vita lavorativa degli europei ha subito molti cambiamenti, come ad esempio il moltiplicarsi dei luoghi di lavoro. In alcuni mercati, le transazioni di PMI e liberi professionisti sugli affitti di spazi di lavoro sono aumentate nel 2022 e nel primo trimestre del 2023 su base annua, aprendo interrogativi su potenziali evoluzioni delle loro abitudini lavorative: le aziende hanno venduto le strutture di loro proprietà per raccogliere capitali e ottimizzare i costi per affittare nuovi spazi di lavoro? Hanno iniziato ad affittare in diverse località al di fuori della loro area storica di attività per accogliere più dipendenti da tutto il paese o da tutta Europa?

Anche se gli affitti degli spazi di lavoro delle imprese tedesche sono rimasti abbastanza stabili nel 2022, recentemente hanno speso di più nel primo trimestre rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, con un aumento del 32%. Le aziende spagnole hanno affittato il 12% in più di spazi di lavoro nel 2022 e hanno visto aumentare il loro importo speso quest’anno con una crescita del 40% su base annua nel primo trimestre del 2023. In Italia, le PMI e i liberi professionisti hanno effettuato il 12% in più di transazioni sugli affitti delle strutture nel 2022, e gli importi medi spesi hanno seguito un trend simile, con un aumento dell’11% nel Q1 2023 rispetto al 2022. Gli affitti degli spazi di lavoro delle PMI francesi e dei liberi professionisti sono rimasti stabili nel 2022 e anche nel primo trimestre rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. In termini di importo speso, inoltre, non sono cambiati molto nel tempo.

TikTok è la piattaforma di social media marketing maggiormente utilizzata

Le PMI e i liberi professionisti europei si affidano sempre più ai social media e alle piattaforme digitali per le loro strategie di comunicazione e marketing. Se la maggior parte delle aziende utilizza Google, Meta e Twitter, a partire dal 2022 il numero medio di transazioni per organizzazione mostra un aumento significativo dell’utilizzo di TikTok da parte di PMI e liberi professionisti. In tutti i mercati Qonto, le aziende spendono più frequentemente su TikTok che sugli altri canali menzionati. Gli importi medi spesi, tuttavia, non hanno superato quelli dedicati agli altri canali.

--

In Francia e in Italia, le transazioni su TikTok rappresentano rispettivamente il 70% di tutte le transazioni effettuate su tali canali digitali. In Germania, il 65% delle transazioni di PMI e liberi professionisti sui canali digitali avviene su TikTok. Le PMI e i liberi professionisti spagnoli sono i principali utenti di TikTok, in quanto la piattaforma conta oltre l’80% delle loro transazioni sui canali digitali.

Approfondire le abitudini di spesa delle PMI e dei liberi professionisti europei, dai metodi di pagamento alle spese più ricorrenti, ci aiuta a comprendere meglio le loro esigenze, preferenze e modalità di lavoro in evoluzione” afferma Mariano Spalletti, Country Director di Qonto in Italia, “Questa crescente presenza e adozione di soluzioni di pagamento digitali suggerisce che siamo sulla strada giusta quando si tratta di supportare la loro vita lavorativa quotidiana e le loro operazioni. Con le PMI e i liberi professionisti europei al centro delle attività di Qonto sin dal primo giorno, siamo in grado di avere un’idea di come queste evolvono e progrediscono e quali sfide devono affrontare“.

--
--

Potrebbero interessarti

Industria

Ford presenta, in un mercato dei veicoli commerciali in crescita, il nuovo Transit Courier

Attualità

L’UE promuove Industry 5.0, un nuovo modo di fare impresa

Industria

Un nuovo pacchetto di sanzioni riguarderà l’alluminio

Prodotti

Finestre e porte scorrevoli pronte a dichiarare e dimostrare bellezza, qualità e ultra-performance: sono quelle della nuova linea Arrogance presentata da QFORT.

--