Avrage B2B Publishing

Digita cosa vuoi trovare

Industria

Federacciai registra mesi da record per il settore siderurgico

Arrivano buone notizie dal comparto siderurgico italiano: il settore si è ripreso dalla crisi legata al Covid-19 dimostrando di recuperare ampiamente terreno.

Le imprese hanno registrato nei primi 8 mesi del 2021 16,3 milioni di tonnellate di acciaio prodotte, ovvero il 27% in più rispetto al periodo pre-pandemico. I dati provengono da Federacciai: nel corso dell’assemblea annuale tenuta dalla Federazione Imprese Siderurgiche Italiane si è analizzato l’andamento (positivo) del comparto.

Numeri davvero favorevoli per l’Italia: il Paese nel periodo gennaio-agosto vede la produzione a livello globale crescita del +10,6%. Tra i vari Paesi l’India mostra un aumento più marcato registrando il +25,&, seguita dal Brasile con +20,9% e Stati Uniti con +19,5%.

Una congiuntura positiva per il settore siderurgico italiano

Alessandro Banzato, Presidente dell’Associazione commenta così i dati: «Oggi ci troviamo di fronte a una congiuntura positivi. I primi segnali di ripresa c’erano già stati nella seconda parte del 2020 e la situazione è migliorata quest’anno con una esplosione della domanda che ha trainato la crescita dei volumi a livello sia nazionale che internazionale. Quello che stiamo vivendo è un ciclo espansionistico su scala europea destinato a durare per qualche anno, un trend positivo che si rafforzerà ulteriormente soprattutto quando si tradurranno in cantieri e investimenti i fondi PNRR in Italia e negli altri Paesi europei”. Il presidente di Federacciai si è però detto preoccupato del caro energia registrato nel contesto internazionale: “Attenzione, le recenti impennate dei costi del gas e dell’energia elettrica potrebbero frenare, se non compromettere, il trend positivo dell’economia italiana ed europea. È un tema che mi preoccupa per lo sviluppo futuro».

Per quanto riguarda la transizione green, l’Associazione ha continuato a lamentare maggiori costi sostenuti dalle imprese siderurgiche: «In termini di strumenti tesi ad allineare i costi italiani a quelli europei, scontiamo invece un preoccupante ritardo per quanto riguarda la Compensazione dei costi indiretti ETS, misura prevista dall’ordinamento europeo e già applicata da almeno uno o due anni da Germania, Francia, Spagna, Belgio e Lussemburgo. Con una decisione del 9 luglio scorso la DG Competition della Commissione europea ha approvato il piano presentato dal Governo italiano, ma ad oggi non abbiamo ancora avuto notizie della sua attuazione – ha sottolineato Banzato – Ai rappresentanti del Governo segnaliamo pertanto l’urgenza di arrivare in tempi brevissimi all’adozione della misura anche perché, come accennato, rispetto ai nostri principali concorrenti, siamo già in ritardo di diversi anni».

--
--

Potrebbero interessarti

Industria

Ford presenta, in un mercato dei veicoli commerciali in crescita, il nuovo Transit Courier

Attualità

L’UE promuove Industry 5.0, un nuovo modo di fare impresa

Industria

Un nuovo pacchetto di sanzioni riguarderà l’alluminio

Prodotti

Finestre e porte scorrevoli pronte a dichiarare e dimostrare bellezza, qualità e ultra-performance: sono quelle della nuova linea Arrogance presentata da QFORT.

--