Avrage B2B Publishing

Digita cosa vuoi trovare

Industria

Stellantis, la produzione di motori elettrici in Francia raggiungerà 1 milione di unità

Stellantis è pronta a consolidare la propria impronta industriale: il gruppo ha annunciato l’aumento della produzione dei nuovi motori elettrici M3 nello stabilimento di Trémery, in Lorena, Francia, frutto della joint venture Emotors.

Con una capacità produttiva di oltre 1 milione di motori elettrici entro il 2024, il gruppo è pronto a raggiungere l’obiettivo che vede la copertura del 100% del mix vendite con veicoli elettrici a batteria in Europa entro il 2030.

A partire da gennaio 2023, le nuove DS 3 E-TENSE, Peugeot e-208, Jeep® Avenger e Opel Mokka electric potranno sfruttare i vantaggi offerti dal motore elettrico M3 ad alta efficienza, in grado di erogare una potenza di 115 kW/156 CV e una coppia di 260 Nm. Abbinato a una nuova batteria e con un’autonomia di oltre 400 km.

“L’impegno nel diventare il riferimento del settore automotive nella lotta ai cambiamenti climatici si riflette in tutti i siti coinvolti attraverso il supporto fornito ai nostri collaboratori, elemento necessario per affrontare il prossimo passo di questa avventura elettrica”, ha dichiarato Carlos Tavares, CEO di Stellantis. “Controllare la catena del valore dell’elettrificazione garantirà la nostra indipendenza tecnologica nel contesto delle crisi economiche e geopolitiche, e nel contempo mitigherà l’impatto di questo cambiamento radicale per i nostri siti e dipendenti. Ciò è ancora più vero in Francia, dove siamo e senza dubbio continueremo a essere leader commerciali e industriali.”

--

Whitepaper | Manifattura 5.0

--

Potrebbero interessarti

Logistica e Trasporti

Molti grandi porti, tra cui quello di Livorno, si sono riempiti di auto elettriche

Attualità

Un equilibrio tra caldo e freddo, riscaldamento e raffrescamento, all’insegna del comfort in tutti gli ambienti.

Attualità

Le navi commerciali non sono al sicuro nemmeno sulla rotta di Capo di Buona Speranza

Industria

La crisi immobiliare cinese e la mancanza di sussidi sta spingendo in basso il prezzo dell’acciaio

--
Advertisement