Avrage B2B Publishing

Digita cosa vuoi trovare

Attualità

Per la ripresa del manifatturiero,ora si punta su accelerazione e rilancio

liferay-tecnologia-industria-manifatturiero-italia

CWS: “Quantitative Supply Chain” per la ripresa del manifatturiero.

Logistica, Energy, Shortage, Approvvigionamenti: per la ripresa del manifatturiero si punta su accelerazione e rilancio. CWS presenta il progetto “Quantitative Supply Chain” basato sulla tecnologia Liferay.

Il progetto

Sales Manager, marketing manager, after sales manager, supply chain manager, service manager, IT manager: sono queste le figure che nelle grandi organizzazioni del manifatturiero, oggi, sono impegnate a rimodulare modelli di business, o processi operativi, per sfruttare appieno ricchezza, complessità e
varietà dei dati, correlazioni e processi che le attività di business richiedono di condividere e gestire, magari perfino tra operatori di nazioni diverse, in un mercato in continua evoluzione.

Le nuove strategie in particolare pongono al centro degli obiettivi delle imprese il miglioramento e l’efficientamento dei modelli operativi. CWS, system integrator da 35 anni protagonista del mercato ICT, basandosi su tecnologia Liferay DXP, propone un servizio denominato “Quantitative Supply Chain” che ha esattamente lo scopo di migliorare e facilitare le relazioni complesse che sottendono alla filiera distributiva nel B2B.

In pratica, si tratta di una piattaforma costituita da moduli predefiniti ma altamente personalizzabili che consente di condividere e gestire tutte le informazioni che coinvolgono di norma la filiera della supply chain, fino al marketing, le vendite e l’after sales. Non ultimo, consente aumento dell’efficienza manutentiva e abilitazione di modelli di servitization (service transformation) grazie all’integrazione di IoT e XR.

Dai cataloghi ai listini, dai video per la formazione ai dati amministrativi: attingendo da tutti i sistemi già presenti in azienda, la piattaforma connette in tempo reale ogni operatore, anche di sedi estere.

Nel progetto, CWS porta la propria esperienza verticale nel manifatturiero e nella implementazione delle tecnologie a qualunque livello di complessità. Liferay DXP è studiata appositamente per strutturare in digitale le relazioni nel B2B.

Con il progetto ‘Quantitative Supply Chain’ l’azienda riduce i costi operativi di gestione, abilita il self-service, aumenta la customer satisfaction migliorando l’efficienza nelle vendite e riducendo il time-to-market; aumenta la revenue online.

--

Inoltre, la piattaforma, che offre una user experience semplificata, consente al produttore una completa overview delle informazioni ai propri fini strategici per prendere decisioni data-driven per raggiungere i KPl di business.

Spiega Dario Andreottola, Commerce Business Development Manager di Liferay Italia: “L’avvento delle piattaforme digitali, come la DXP di Liferay, ha determinato nel B2B un cambiamento delle dinamiche: non si ha più una relazione uno ad uno di tipo lineare. Oggi si parla di relazione uno a molti e molti a molti, perché soluzioni, come i marketplace B2B o i siti B2B, rendono possibili le interazioni tra diverse aziende. In questo nuovo scenario, caratterizzato da molteplici relazioni anche nuove, la piattaforma assume un ruolo di accentratore e facilitatore, ossia di un hub digitale, un gateway di connessione dove scambiare dati, informazioni, documenti e dove dialogare ed interagire. Questo cambio di business model porterà le aziende ad investire sempre di più su soluzioni digitali grazie alle quali gestire al meglio l’approvvigionamento delle materie prime o in generale della merce in ingresso e contemporaneamente fare previsioni più accurate sulle vendite. La gestione dei tempi e dei costi, a volte nuovi o non previsti, diventa una priorità. Verificare la disponibilità dei magazzini, evitare le rotture di stock, pianificare la domanda del mercato, prevedere ed anticipare criticità presuppone l’utilizzo di soluzioni digitali adeguate e in grado di integrarsi con i sistemi esterni, quali WMS, MRP, ERP. Il tutto in ottica web 3.0 ossia con interfacce utente user friendly e viste personalizzate per accedere velocemente alle informazioni di proprio interesse.”

Filippo Tempia, Director of Operations di CWS Digital Solutions, aggiunge:
Possiamo inserirci in qualunque ambiente tecnologico e durante la creazione della piattaforma il cliente non interrompe mai le consuete attività. Ci confrontiamo con responsabili di produzione, responsabili della supply chain, manutentori, personale operativo, ect. A partire dalle esigenze di chi è in prima linea, costruiamo la soluzione più adatta. Il contesto manifatturiero è sempre più internazionale, dinamico e complesso. Per restare competitivi è necessario da un lato migliorare la collaborazione tra tutti gli stakeholder coinvolti nella value chain B2B e dall’altro ridurre il time-to-execution per effettuare la miglior scelta nel minor tempo possibile.”

Conclude Dario Andreottola:

Con le nostre soluzioni, ci proponiamo di offrire alle aziende una leva competitiva in più e unica, fondata non solo sui prodotti, ma sui servizi digitali. Come emerge da una ricerca condotta dall’Osservatorio Digital B2B del Politecnico di Milano, in Italia il livello di maturità digitale delle imprese è ancora molto basso. Basta pensare che il 66% non ha neppure un CRM. Pertanto, lo spazio per differenziarsi in questo senso è ampio e il tempo per approfittarne è adesso. Siamo lieti che un partner consolidato come CWS con la sua soluzione abbia scelto la nostra tecnologia per questo progetto, che risponde alle necessità del mercato.”

--
--

Potrebbero interessarti

Industria

Ford presenta, in un mercato dei veicoli commerciali in crescita, il nuovo Transit Courier

Attualità

L’UE promuove Industry 5.0, un nuovo modo di fare impresa

Industria

Un nuovo pacchetto di sanzioni riguarderà l’alluminio

Prodotti

Finestre e porte scorrevoli pronte a dichiarare e dimostrare bellezza, qualità e ultra-performance: sono quelle della nuova linea Arrogance presentata da QFORT.

--