Avrage B2B Publishing

Digita cosa vuoi trovare

Tecnologia

Ricerca Zebra: i dirigenti aziendali investiranno in machine vision

ai-machine-vision-magazzino-ricerca-zebra

I dirigenti aziendali puntano sull’AI: la ricerca di Zebra.

Secondo uno Studio di Zebra gli operatori di Magazzino vogliono investire in Intelligenza Artificiale, a fronte di cambiamenti dirompenti.

La ricerca

Zebra Technologies Corporation, fornitore di soluzioni digitali che consentono alle aziende di collegare in modo intelligente dati, risorse e persone, ha rilevato un forte interesse da parte degli operatori di magazzino verso le tecnologie di intelligenza artificiale (AI), mentre si prospettano cambiamenti dirompenti nel settore, secondo lo studio Zebra 2023 Making Modern Warehousing a Reality: Supply Chain Resiliency & Agility.

I risultati giungono a seguito di un anno caratterizzato da pressioni inflazionistiche e da continue sfide occupazionali, oltre che da eventi non previsti come la siccità del Canale di Panama e le perturbazioni nel Mar Rosso. Questi eventi hanno provocato ritardi nei trasporti e un aumento dei costi, con un impatto sulle supply chain globali.

Dallo studio emerge che, entro i prossimi cinque anni, la maggior parte dei responsabili di magazzino a livello globale prevede di investire in machine learning (94%), analisi predittiva (92%), machine vision (86%) e computer vision (85%). Queste tecnologie avanzate di AI sono in grado di offrire funzionalità di automazione, analisi e processo decisionale automatizzato nell’ambito della supply chain e del magazzino. In particolare, i decision maker che operano in questo settore stanno accelerando i piani di investimento in tecnologie per risolvere le sfide relative all’ottimizzazione della manodopera, alla semplificazione delle attività, nonché alle imprecisioni nella gestione delle scorte e al passaggio a sistemi basati sul cloud.

Dopo un anno di pressioni inflazionistiche e di continue sfide relative all’assunzione e al mantenimento del personale, l’ultimo avvenimento che ha impattato negativamente le supply chain su scala globale è la crisi dovuta alla siccità del Canale di Panama, per cui ci si aspetta che le navi dovranno subire ritardi fino a 20 giorni, una riduzione dei passaggi giornalieri e tariffe di attraversamento più che raddoppiate. Il canale rappresenta il 3% del commercio marittimo globale e le conseguenze a catena potrebbero includere tariffe di spedizione più elevate, consegne ritardate ai porti, necessità di percorsi di trasporto alternativi e scaffali vuoti. Inoltre, i picchi di acquisto legati alla stagione dei saldi di questo periodo metteranno sotto pressione le catene di approvvigionamento, causando incertezze per retailer e operatori di magazzino relative alla spesa dei consumatori, oltre a un altro anno di sovra o sotto-stoccaggio.

“I responsabili di magazzino stanno adottando soluzioni di modernizzazione della supply chain e del magazzino basate su AI per rispondere alla situazione attuale, fatta di continui cambiamenti dirompenti ed eventi non previsti”, ha dichiarato Andre Luecht, Global Strategy Lead, Warehouse, Transportation and Logistics di Zebra Technologies. “I sistemi basati su cloud, l’intelligenza artificiale, l’analisi e i digital twin stanno offrendo ai decision maker del comparto trasporti e logistica la visibilità, la flessibilità e la resilienza di cui hanno bisogno per affrontare il mondo odierno, in cui le supply chains sono globali, complesse e colpite da crisi mondiali. Nonostante ciò, queste tecnologie non devono essere viste come una bacchetta magica: è fondamentale implementarle quando opportuno, come parte di un ecosistema visibile e flessibile”.

Lo studio di Zebra evidenzia anche che, nel 2024, i responsabili di magazzino a livello globale si affideranno sempre più spesso alle tecnologie a sensore, tra cui tag e sensori passivi per l’identificazione a radiofrequenza RFID (81%), la tecnologia di localizzazione in tempo reale con tag attivi (68%), sensori mobili sui carrelli elevatori (68%), sensori di monitoraggio della temperatura ed etichette intelligenti (67%).

--

La natura delle interruzioni e di eventi cosiddetti cigni neri possono essere difficili da controllare, ma dobbiamo impegnarci per essere in grado di prevederli, anticiparli, mitigarli e rispondere prontamente prima che si verifichino, in modo da ridurre al minimo ed eliminare gli impatti negativi sulla supply chain e sulle operazioni di magazzino“, ha affermato Luecht.

CONTESTO E METODOLOGIA DELL’INDAGINE

Il documento di ricerca Zebra 2023 Making Modern Warehousing a Reality: Supply Chain Resiliency & Agility si basa sullo studio Warehousing Vision Study di Zebra, condotto nei mesi di marzo e aprile 2023 dalla società di ricerca Azure Knowledge Corporation. Il documento include il punto di vista di oltre 1.400 decision maker e collaboratori che gestiscono e curano le operazioni di magazzino o dei centri di distribuzione nei settori della produzione, del retail, dei trasporti, della logistica e della distribuzione all’ingrosso in Nord America, America Latina, Europa e Asia Pacifico.

--

Whitepaper | Manifattura 5.0

--

Potrebbero interessarti

Logistica e Trasporti

Molti grandi porti, tra cui quello di Livorno, si sono riempiti di auto elettriche

Attualità

Un equilibrio tra caldo e freddo, riscaldamento e raffrescamento, all’insegna del comfort in tutti gli ambienti.

Attualità

Le navi commerciali non sono al sicuro nemmeno sulla rotta di Capo di Buona Speranza

Industria

La crisi immobiliare cinese e la mancanza di sussidi sta spingendo in basso il prezzo dell’acciaio

--
Advertisement