Avrage B2B Publishing

Digita cosa vuoi trovare

Attualità

Transizione ecologica: come ottenere il fondo per le imprese

Sostenere le aziende nel loro percorso di transizione ecologica e supportare gli investimenti nella ricerca e nel campo dell’innovazione: il Green New Deal si rivolge a tutte quelle aziende che desiderano intraprendere una strada più sostenibile.

Ma che cos’è il Green New Deal e come ottenere i fondi dedicati alle imprese? Nel corso di questo articolo ci occuperemo di definire i criteri chiave espressi dal Ministero dello Sviluppo Economico.

Cos’è il Green New Deal

Un piano di riconversione ecologica dedicato alle imprese italiane, con l’obiettivo di costruire un futuro realmente green e sostenibile.

Come specificato nel sito ufficiale del MISEL’intervento del Fondo per la crescita sostenibile (FCS) definito con il decreto Ministro dello sviluppo economico di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze 1° dicembre 2021 prevede la concessione di agevolazioni finanziarie a sostegno dei progetti di ricerca, sviluppo e innovazione per la transizione ecologica e circolare a sostegno delle finalità del “Green New Deal italiano”.

 

A cosa serve questa misura? Il Green New Deal prevede la concessione di contribuiti dedicati a supportare la crescita delle attività di ricerca industriale e di sviluppo e “per le PMI di industrializzazione dei risultati della ricerca e sviluppo”. 

Il Ministro Giancarlo Giorgetti ha reso operativa una misura per la quale sono disponibili risorse pari a 750 milioni valere sul Fondo per la crescita sostenibile (FCS) e sul Fondo rotativo per il sostegno alle imprese e agli investimenti in ricerca (FRI), gestito da Cassa Depositi e Prestiti.

--

Chi sono i soggetti beneficiari del Green New Deal?

Possono beneficiare del Green New Deal le imprese di qualsiasi dimensione che esercitano attività agroindustriali, industriali, artigiane, di servizi all’industria e centri di ricerca che presentino dei progetti sia singolarmente che in forma congiunta.

Secondo quanto riportato nel decreto pubblicato nella GURI n.26 del 1° febbraio 2022, le imprese devono essere in possesso dei seguenti requisiti:

  • Essere regolarmente costituiti e iscritti nel Registro delle imprese. I soggetti non residenti nel territorio italiano devono avere una personalità giuridica riconosciuta nello Stato di residenza come risultante dall’omologo registro delle imprese.
  • Non essere sottoposti a procedura concorsuale e non trovarsi in stato di fallimento, di liquidazione anche volontaria, di amministrazione controllata, di concordato preventivo o in qualsiasi altra situazione equivalente secondo la normativa vigente.
  • Trovarsi in regime di contabilità ordinaria.
  • Disporre di almeno due bilanci approvati ovvero, per le imprese individuali e le società di persone, disporre di almeno due dichiarazioni dei redditi presentate.
  • Non rientrare tra le imprese che hanno ricevuto e, successivamente, non rimborsato o depositato in un conto bloccato.
  • Essere in regola con la restituzione di somme dovute in relazione a provvedimenti di revoca di agevolazioni concesse dal Ministero dello sviluppo economico.
  • Non trovarsi in condizioni tali da risultare impresa in difficoltà così come individuata nel Regolamento GBER.

Cosa finanzia il Green New Deal?

L’intervento va a supportare tutte quelle aziende che si propongono i seguenti obiettivi:

  • Decarbonizzazione dell’economia
  • Economia circolare
  • Riduzione dell’uso della plastica e sostituzione della plastica con materiali alternativi
  • Rigenerazione urbana
  • Turismo sostenibile
  • Adattamento e mitigazione dei rischi sul territorio derivanti dal cambiamento climatico

Ricordiamo che le attività di ricerca e sviluppo devono essere collegate alla creazione di nuovi prodotti (o servizi / processi) oppure al miglioramenti di prodotti e soluzioni già esistenti.

Come sottolinea il MISE: “Gli investimenti per l’industrializzazione, che sono ammessi esclusivamente per le PMI, devono avere un elevato contenuto di innovazione e sostenibilità, ed essere volti a diversificare la produzione di uno stabilimento mediante prodotti nuovi aggiuntivi ovvero a trasformare radicalmente il processo produttivo complessivo di uno stabilimento esistente. Possono essere ammessi distintamente ovvero insieme ad un progetto di ricerca industriale e sviluppo sperimentale nell’ambito di un programma integrato presentato per l’ottenimento di agevolazioni, alle condizioni previste dal decreto”.

 Inoltre, tra i criteri per l’accesso ai fondi, i progetti presentati dalle imprese dovranno essere realizzati nell’ambito di una o più unità locali ubicate nel territorio nazionale; dovranno prevedere spese e costi ammissibili non inferiori a 3 milioni e non superiori a 40 milioni di euro; inoltre dovranno avere una durata non inferiore a 12 mesi e non superiore a 36 mesi ed essere avviati successivamente alla presentazione della domanda di agevolazioni.

La procedura d’accesso ai fondi

Le aziende possono presentare la propria domanda di partecipazione in due modalità. La prima è definita “a sportello” ed è dedicata ai programmi di importo non inferiore a 3 milioni e non superiore a 10 milioni di euro, con un massimo di tre imprese partecipanti.

La seconda modalità è quella “negoziale” e vale per i programmi di importo superiore a 10 milioni e non superiore a 40 milioni di euro, con un massimo di cinque imprese partecipanti.

--

Nel decreto ministeriale 1° dicembre 2021 presente nel sito del MISE sono presenti tutti i contenuti chiave dell’intervento, così come la procedura e le tempistiche.

--
--

Potrebbero interessarti

Industria

Ford presenta, in un mercato dei veicoli commerciali in crescita, il nuovo Transit Courier

Attualità

L’UE promuove Industry 5.0, un nuovo modo di fare impresa

Industria

Un nuovo pacchetto di sanzioni riguarderà l’alluminio

Prodotti

Finestre e porte scorrevoli pronte a dichiarare e dimostrare bellezza, qualità e ultra-performance: sono quelle della nuova linea Arrogance presentata da QFORT.

--