Connect with us

Digita cosa vuoi trovare

Attualità

Macchine utensili: 2021 positivo per il segmento industriale

L’industria italiana della macchina utensile segna un 2021 davvero positivo: analizziamo il report elaborato dal Centro Studi & Cultura di Impresa UCIMU-Sistemi per produrre.

Un anno di bilanci positivi e un trend in crescita che toccherà anche il 2022: questa è la panoramica delineata da  Barbara Colombo, presidente UCIMU-Sistemi per produrre ovvero l’associazione dei costruttori italiani di macchine utensili, robot e automazione.

Analizzando i dati provenienti dal report realizzato da UCIMU- Sistemi per produrre notiamo che nel 2021 la si è attestata a 6.325 milioni di euro, segnando un incremento del 22,1% rispetto al 2020.

Il risultato positivo è legato anche all’andamento delle consegne dei costruttori italiani nel mercato interno cresciute del 27,8%. Ma non solo: anche le esportazioni hanno registrato un aumento del 17,4% che corrisponde a 3.360 milioni di euro.

Il report UCIMU segnala che nei mesi gennaio-settembre 2021 le esportazioni italiane di sole macchine utensili sono tornate a crescere nella quasi totalità dei paesi. Le vendite in Germania, risultato primo paese di destinazione del made in Italy di settore, sono cresciute a 256 milioni di euro (+38,4%). Seguono nella classifica: Stati Uniti 251 milioni (+9,7%), Cina 154 milioni, (-5,3%), Polonia 118 milioni (+29%); Francia 117 milioni (+1,2%).

Il mercato interno è vivace ed è cresciuto del 30,4% rispetto al 2020, un risultato che si traduce in un valore economico di 4.645 milioni di euro.

Barbara Colombo ha dichiarato: “Il 2021 si è rivelato un anno decisamente positivo per i costruttori italiani di macchine utensili, robot e automazione. Soltanto la carenza di alcune componenti elettriche e elettroniche e di materie prime ha impedito che a fine anno fosse recuperata interamente la perdita registrata nel 2020 in coincidenza con lo scoppio della pandemia”.

--

Prosegue la presidente UCIMU: “D’altra parte, rileviamo ancora una ampia discrepanza tra l’andamento della raccolta ordini e quello del fatturato, segno dell’allungamento dei tempi di consegna dei macchinari dovuto alle attese delle forniture che noi costruttori ci troviamo a fronteggiare. Detto questo, nel 2022, non soltanto avremo recuperato tutto il terreno perso con l’emergenza sanitaria ma per molti indicatori riusciremo a tornare ai livelli record del 2018 perché il mercato, specialmente quello interno, è davvero effervescente”.

--
--

Potrebbero interessarti

Fiere nel mondo

MECSPE è uno degli appuntamenti più importanti per l’industria manifatturiera. L’evento torna dal 9 all’11 giugno 2022 a Bologna. Tra gli argomenti di punta...

Industria

Le aziende manifatturiere puntano sull’AI per crescere: lo dimostra l’esperienza di Lopigom, azienda bergamasca punto di riferimento nel settore gomma e plastica.

Comunicati stampa

Osservatorio AutoScout24 auto usate 2021 e previsioni 2022: 2021 chiude positivo.

Attualità

È un rapporto ormai consolidato, quello tra CWS e Liferay. Le due aziende, con una partnership pluriennale alle spalle, lanciano un nuovo progetto comune...

--